Maryland Bridge: cos’è e quando sceglierlo

Maryland Bridge: cos’è e quando sceglierlo

Tra le molte opzioni a disposizione degli specialisti per la scelta di protesi fisse e mobili, il Maryland Bridge rappresenta un’ottima opzione nel caso di perdita di incisivo centrale o laterale (sia nell’arcata inferiore che in quella superiore)

Maryland Bridge: cos’è

Il Maryland Bridge, come suggerisce il nome, è un ponte dentale che può essere sia fisso che provvisorio. Questo particolare tipo di ponte dentale prevede il fissaggio sulle pareti posteriori dei denti residui, situati vicino ai denti mancanti.

Con questa soluzione gli elementi di ancoraggio utilizzati da altre tipologie di protesi non sono più necessari poiché il dente sostitutivo viene incollato tramite due alette laterali ai denti vicini.

Per poter scegliere la soluzione Maryland Bridge bisogna prima valutare se la superficie dei denti che verranno utilizzati come supporto alla protesi è adeguata al sostegno e se necessita di interventi per fare spazio alle alette di ancoraggio.

Maryland Bridge: vantaggi

Sostituire un incisivo centrale singolo tramite l’inserimento di un impianto può comportare un rischio estetico elevato: l’utilizzo dei Maryland bridge può rappresentare una valida soluzione terapeutica, soprattutto adesso che gli sviluppi tecnologici hanno consentito la produzione di elementi protesici in materiali innovativi come i compositi rinforzati, superando i limiti estetici imposti dalle precedenti strutture in metallo.

Indipendentemente dal materiale prescelto, i Maryland Bridge metal-free danno un ottimo risultato estetico a fronte di un intervento conservativo e rappresentano un’ottima soluzione terapeutica per la riabilitazione di edentulia anteriore, soprattutto in pazienti giovani.

Il Maryland Bridge è inoltre idoneo per tutti quei pazienti con gengiviti o malattia parodontale in corso.

Il Maryland bridge può anche essere adottato come protesi provvisoria prima di una riabilitazione definitiva con impianto ma anche come ponte dentale fisso nel caso di perdita di un solo incisivo mandibolare.

Riassumendo, i principali vantaggi dell’adozione del Marylin Bridge sono:

  • Resa estetica elevata: grazie all’impiego di materiali metal free che riproducono il dente naturale
  • Soluzione conservativa: per applicarla non è necessaria alcuna chirurgia
  • Soluzione stabile e duratura
  • Manufatto protesico non ingombrante e confortevole
  • Resistente grazie alla cementazione adesiva.

 

Noi di GmOdontotecnica Digitale ci occupiamo della produzione di Maryland definitivo in composito. Contattaci per maggiori informazioni.

Leave a reply